REBOKIN: Il PRIMO PROGETTO SUL KIN-BALL COFINANZIATO DALLA COMMISSIONE EUROPEA

REBOKIN: Il PRIMO PROGETTO SUL KIN-BALL COFINANZIATO DALLA COMMISSIONE EUROPEA

 

"Il nostro Club, Napoli United, è estremamente fiero ed entusiasta di prendere parte al progetto REBOKIN per le finalità sportive e sociali che propone. Inoltre, nel medio e lungo termine punterà a creare una o più squadre di KINBALL, seguendo e supportando la crescita della Federazione Italiana e contribuendo alla diffusione in larga scala dello sport".

“Rebokin: Let’s remove borders with kin-ball” è il primo Progetto europeo sul Kin-ball cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma Erasmus + Sport. Presentato dall’associazione capofila turca Spell ha l’obiettivo di incoraggiare la cooperazione transnazionale europea pubblico-privato nel settore dello sport e l’inclusione sociale attraverso la pratica dell’attività sportiva per giovani, migranti e/o rifugiati con la diffusione del Kin-ball. Uno sport divertente, innovativo ed altamente inclusivo, praticabile da persone di tutti i generi ed età. Al progetto hanno aderito 5 partner provenienti da diversi paesi europei e non: SPELL per Turchia, Asteri per Grecia, Napoli United per Italia, Red Deporte per la Spagna e CNAPEF Portogallo, rappresentati da organizzazioni e società sportive esperte nel settore e come nel caso dell’Italia, ritenute buone pratiche a livello nazionale. La delegazione italiana è infatti composta da dirigenti del Napoli United, ex Afro-Napoli, società riconosciuta come best practice dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Rebokin punta anche a mettere in risalto l’importanza dello sport come elemento di diffusione di uno stile di vita sano e benessere psico-fisico e sociale, privilegiando il lavoro di gruppo rispetto all’individualismo sarà favorito il contatto tra comunità ospitanti e migranti con campagne di sensibilizzazione e sessioni di allenamenti pubblici.

La scelta del KINBALL quale sport di riferimento del progetto attiene alla sua natura inclusiva ed alla semplicità delle regole che permettono di organizzare attività con squadre eterogenee rispetto ad età, genere, etnia e religione. Inoltre, essendo uno sport di recente creazione potranno partecipare aspiranti atleti che non hanno trovato interesse o spazio in altre discipline, contando anche sulla futura inclusione tra le discipline olimpiche prevista per il 2024. Nel piano di lavoro sono state inserite attività di ricerca e di organizzazione di allenamenti continuativi per la durata di 4 mesi, eventi e campagne di sensibilizzazione. A livello locale è fondamentale la collaborazione con le federazioni nazionali per la diffusione di questo sport o, laddove non sia presente, la costituzione della federazione nazionale, come nel caso della Turchia dove i capofila del progetto hanno fondato la TKBF (Turkish KINBALL Federation), affiliata con la IKBF.

L’attuazione del progetto in Europa contribuirà al miglioramento della vita dei cittadini europei, secondo i dati nazionali ed europei sempre più sedentari - soprattutto durante i periodi di lockdown - e dei rifugiati che affrontano problematiche legate a difficoltà di comunicazione, pregiudizi, razzismo, muovendosi sempre in linea con gli obbiettivi fissati dalla Comunità Europea ed in attuazione dei programmi previsti dalla Commissione e dalla Agenzia esecutiva per l'istruzione, gli audiovisivi e la cultura.Il primo meeting internazionale del progetto si è svolto nella cittadina portoghese di Castelo Branco dall’11 al 14 Luglio 2021, ospitato dal Consiglio Nazionale delle Associazioni di Professionisti dell’Istruzione Fisica e dello Sport (CNAPEF) e dal partner operativo Associazione Professionisti dell’Istruzione Fisica di Castelo Branco (APEFCB), presso la sede del Raggruppamento di Scuole Alfonso de Paiva. Nel primo Kick off Meeting, l'associazione turca Spor Elçileri Derne ği (SPELL), che conduce il progetto, ha presentato il piano di lavoro, il piano di gestione e attuazione e il piano di diffusione del progetto.

In seguito, il coach e ideatore del progetto Ahmet Dalci con il supporto del Presidente e di SPELL e coordinatore di Rebokin, Birol Cagan, ha promosso una sessione pratica e teorica di Kin-ball, durante il quale ha illustrato le regole del gioco e creato 3 diverse squadre, che si sono affrontate in un divertentissimo allenamento tra coach e formatori atletici. Lungo la loro presenza a Castello Bianco, i partecipanti hanno avuto la possibilità di essere accolti dal sindaco, visitare il Giardino della Reggia episcopale e assaporare alcune delle prelibatezze regionali. Dopo questa 1° riunione, i partner attueranno le strategie, le formazioni e le metodologie di diffusione concordate. I risultati dei primi mesi di lavoro in presenza saranno presentati al prossimo incontro internazionale, programmato per novembre 2021 in Spagna.

martedì 20 luglio 2021

ULTIME NEWS

NAPOLI UNITED-MONDRAGONE 1-0! INIZIA CON UNA VITTORIA L'AVVENTURA DI MISTER MARADONA

Non poteva esserci esordio migliore per il Napoli United e per mister Diego Armando Maradona che festeggia la sua prima panchina con una vittoria importante con...

Read more

Il Napoli United incontra il Sindaco di Castelo Branco nell’ambito del progetto “REBOKIN – Let’s Remove borders with Kinball” cofinanziato dalla Commissione Europea

         Una delegazione del Napoli United, composta dal dirigente Luigi di Nunzio e la project manager Elena Lopresti, è stata ricevuta dal Sindaco di ...

Read more

DIEGO ARMANDO MARADONA NUOVO TECNICO DEL NAPOLI UNITED

4 luglio 1984 Diego Armando Maradona arriva a Napoli. Il sogno diventa realtà...   4 luglio 2021 Diego Armando Maradona è l'allenatore del Napoli United. L...

Read more

PARTNER