Il Napoli United incontra il Sindaco di Castelo Branco nell’ambito del progetto “REBOKIN – Let’s Remove borders with Kinball” cofinanziato dalla Commissione Europea

Il Napoli United incontra il Sindaco di Castelo Branco nell’ambito del progetto “REBOKIN – Let’s Remove borders with Kinball” cofinanziato dalla Commissione Europea

      

 

Una delegazione del Napoli United, composta dal dirigente Luigi di Nunzio e la project manager Elena Lopresti, è stata ricevuta dal Sindaco di Castello Branco, in Portogallo, nell’ambito del progetto “Rebokin – Let’s Remove Borders With Kin-Ball”, cofinanziato dalla Commissione Europea con il programma Erasmus + Sport, call 2020. L’incontro volto al rafforzamento della cooperazione transnazionale europea nel settore dello sport tra pubblico e privato si è tenuto lo scorso 13 Luglio ed è stato promosso dal consiglio nazionale portoghese dei professori di educazione fisica e sportiva “CNAPEF” organizzatori del primo meeting internazionale di progetto tra i 5 partner europei che comprendono, inoltre, l’associazione di ricerca e pratica sportiva greca “ASTERI” e la fondazione sportiva spagnola “RED DEPORTE”.


Il progetto “Rebokin” nasce da un’idea dell’associazione turca Spor Spor Elçileri Derneği (SPELL), con sede in Malatya, città distretto sita al confine con la Siria, che si occupa di diffondere la cultura sportiva attraverso il volontariato e coinvolgendo soprattutto le fasce della popolazione svantaggiate, come migranti e rifugiati. Per tale motivo, i capofila turchi hanno incluso nel progetto sportivo paesi del Mediterraneo, generalmente ritenuti come paesi di Prima Accoglienza, come Italia, Grecia, Spagna, Portogallo, coinvolgendo organizzazioni esperte nell’inclusione sociale dei migranti attraverso l’attività sportiva. Per questo progetto in particolare saranno organizzati allenamenti continuativi con il nuovissimo ed innovativo sport Kin-ball, uno sport che è stato creato proprio per includere e favorire la partecipazione di tutti, senza limiti di età o di genere.

Il sindaco del Comune di Castelo Branco, Josè Augusto Alves, ha perciò espresso la sua soddisfazione e gratitudine per aver coinvolto in un progetto tanto ambizioso la cittadina di Castelo Branco, che è stata per quattro giorni protagonista in Europa, augurando a tutti i partner europei un buon lavoro per l’organizzazione delle prossime attività e promozione degli obiettivi di inclusione. Il primo cittadino ha continuato sottolineando l’importanza dello sport per coinvolgere la popolazione svantaggiata, congratulandosi con i partner per il lavoro finora svolto. Infine, non sono mancati i complimenti all’Italia per la classificazione agli Europei di calcio. Durante il dialogo con il Sindaco, il nostro dirigente Luigi Di Nunzio, congratulandosi a sua volta con il primo cittadino per lo stato impeccabile della città e delle sue strutture scolastiche e sportive, ha discusso dell’importanza delle sport facilities nella crescita e nello sviluppo delle comunità locali e nella diffusione di valori e stili di vita sani. Si è soffermato soprattutto sulle strategie da adoperare per favorire la realizzazione di tali strutture, che può avvenire soltanto attraverso sinergie tra pubblico e privato e la collaborazione delle istituzioni, locali e nazionali, con tutti gli stakeholder presenti sul territorio. L’adozione e lo scambio di buone pratiche ad un livello sovranazionale potrà inoltre generare maggior benessere tra la popolazione europea.

Castelo Branco è un comune di circa 55000 abitanti, non lontano dal confine con la Spagna, situato nell’omonimo distretto ed è il principale centro amministrativo e commerciale della Beira Baixa, regione di aridi campi. È, con Portalegre, sede vescovile ed è caratterizzata da un castello medioevale, situato sulla collina attorno alla quale si sviluppa la città. La città vecchia è costituita da nobili palazzetti e dalla Sé, cattedrale già chiesa di un convento, ricostruita nel XVII secolo, la cui facciata è limitata da due torri campanarie. Il Museu Regional Tavera Proença sistemato nel settecentesco palazzo episcopale ospita collezioni archeologiche preistoriche e romane, dipinti di pittori primitivi portoghesi, arazzi fiamminghi e una collezione di colchas, coperte ricamate di influenza orientale; nello stesso palazzo c'è una scuola professionale che prepara gli artigiani a continuare questa produzione tipica tradizionale. Notevoli i Jardim do Antigo Paço Episcopal, vasti giardini del Settecento su terrazze con statue, fontane, alberi rari, aiuole, siepi e con una scalinata centrale ornata dalle statue dei re compresi quelli spagnoli del periodo dell'occupazione rappresentati in modo grottesco e da statue degli apostoli e degli evangelisti. Il Miradouro de Sâo Gens è la parte più alta della città con i resti del castello dei templari del XII secolo e una cappella barocca dedicata a "Santa Maria do Castelo".

Attualmente è nota per l’incredibile numero e qualità di strutture sportive ed educative ed è infatti punto di riferimento nella regione per tutti gli studenti e gli atleti. Proprio per questo motivo è stata scelta come sede del primo incontro di progetto dal 12 al 14 luglio, durante il quale sono state definite le attività da programmare e le linee guida per la diffusione degli obiettivi. Sono inoltre stati formati due trainer per ogni nazione, i quali avranno a loro volta il compito di formarne altri 3 per lo svolgimento delle attività a livello locale. La formazione degli allenatori sarà completata entro settembre 2021, in modo da poter partire con le attività sportive inclusive a partire da ottobre dello stesso anno.

venerdì 16 luglio 2021

ULTIME NEWS

NAPOLI UNITED-MONDRAGONE 1-0! INIZIA CON UNA VITTORIA L'AVVENTURA DI MISTER MARADONA

Non poteva esserci esordio migliore per il Napoli United e per mister Diego Armando Maradona che festeggia la sua prima panchina con una vittoria importante con...

Read more

REBOKIN: Il PRIMO PROGETTO SUL KIN-BALL COFINANZIATO DALLA COMMISSIONE EUROPEA

  "Il nostro Club, Napoli United, è estremamente fiero ed entusiasta di prendere parte al progetto REBOKIN per le finalità sportive e sociali che propone....

Read more

DIEGO ARMANDO MARADONA NUOVO TECNICO DEL NAPOLI UNITED

4 luglio 1984 Diego Armando Maradona arriva a Napoli. Il sogno diventa realtà...   4 luglio 2021 Diego Armando Maradona è l'allenatore del Napoli United. L...

Read more

PARTNER